SA Sicurezza

RSPP scaduto: ecco quando rinnovare l’attestato

RSPP scaduto: ecco quando rinnovare l’attestato

Sei in possesso di un attestato RSPP scaduto e non sai quando aggiornarlo? Nelle prossime righe faremo chiarezza sui diversi corsi di formazione che devono essere frequentati in base al proprio ruolo e alla propria azienda. In linea di massima bisogna fare una distinzione ovvero se parliamo di corso RSPP per datore di lavoro oppure se si tratta di un corso RSPP per professionisti.

RSPP scaduto: Rinnovo corso per Datore di lavoro

Analizziamo ora l’ipotesi di un corso per datore di lavoro RSPP scaduto. In questo caso la legge stabilisce una scadenza ogni 5 anni; di conseguenza qualora venga superato il termine dei 5 anni dal giorno del conseguimento dell’attestato è opportuno aggiornarlo per mantenerlo in corso di validità. Da notare è che “dimenticarsi” di aggiornare il corso non vuol dire perdere la propria formazione ma solo essere temporaneamente non abilitati a ricoprire il ruolo di RSPP. In questo caso l’azienda il datore di lavoro rischia di incappare in pesanti sanzioni perchè non in possesso di una figura nominata adeguatamente formata.

RSPP scaduto: Rinnovo corso per il professionista

Analizziamo ora l’ipotesi di un corso per professionista RSPP scaduto. Anche in questo caso la legge stabilisce una scadenza ogni 5 anni; di conseguenza qualora venga superato il termine dei 5 anni dal giorno del conseguimento dell’attestato è opportuno aggiornarlo per mantenerlo in corso di validità. Anche in questo caso “dimenticarsi” di aggiornare il corso non vuol dire perdere la propria formazione ma solo essere temporaneamente non abilitati a ricoprire il ruolo di RSPP. Infatti anche nel caso in cui venga superato ampiamente il termine dei 5 anni, sarà sufficiente eseguire l’aggiornamento per tornare ad essere abilitati. L’aggiornamento deve essere svolto per il settore di interesse e preferibilmente in modo graduale. Proprio per questo motivo la norma vuole che l’aggiornamento avvenga per almeno 40 ore distribuite nell’arco dei 5 anni.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattro × uno =